Il Paese dei balocchi

20 maggio 2010
Questo post è stato letto 2949 volte e ha 0 commenti, lo discutiamo? 

Tortellini di Bologna Per la barter AynaV la scoperta di ZR è stata come una grande festa

Quando sono venuta a conoscenza di zerorelativo è stato come per un bambino festeggiare Pasqua, Natale e compleanno tutto insieme…”. Ecco come mi descrive il suo “arrivo” su ZR, Vanya, barter di Bologna, che da novembre scorso è attiva all’interno della community con il nickname di AynaV. Quando ci sentiamo mi viene anche qualche scrupolo, dopo che mi dice che ha fatto slittare l’esame di anatomia che avrebbe avuto all’indomani. Ma mi tranquillizza subito dopo, dicendomi che non è stato il nostro appuntamento telefonico la causa del posticipo. Sollevato da questo peso e augurandole un felice e veloce cammino nel suo percorso universitario in Fisica Ambientale, Tecniche della Prevenzione nell’Ambiente e nei Luoghi di Lavoro (Facoltà di Medicina e Chirurgia), iniziamo la nostra chiacchierata.

Vanya praticamente mi confessa che non butta via nulla – “… perché buttare via qualcosa, quando può servire a qualcuno?” – questa è la domanda retorica che mi rivolge. Naturalmente tutto questo implica una grossa capacità di stipare le cose, visto che comunque una scelta di questo tipo fa si che gli spazi fisici della casa vengano sistematicamente riempiti. “Più spazio hai più lo riempi… camera mia è un magazzino, il mio armadio contiene di tutto… se poi aggiungiamo anche tutti i materiali per l’imballaggio e le spedizioni agli altri barter… presto fatto!”. Il suo attaccamento agli oggetti è considerevole. Se qualche volta riesce a liberarsi di cose “inutili/brutte”, trova immediatamente dopo qualcos’altro della quale si innamora. Insomma cambiando l’ordine dei fattori… il risultato non cambia.

La casa di Vanya è invasa da libri. E’ più simile ad una biblioteca che una casa. Biblioteca le cui dimensioni sono in continuo aumento dal momento in cui su ZR Vanya cerca principalmente libri (d’avventura se possibile), offrendo vestiti e bigiotteria. “Il potere grande di ZR è quello di permettere alle persone che hanno la sensibilità verso il baratto di esprimersi al meglio… ZR è il luogo, il posto ideale per fare baratto”, questa è la sua visione di ZR, visione che sta cercando di divulgare agli altri membri della sua famiglia – “… intanto sono riuscita a convincere mia nonna e mio padre a darmi degli oggetti da scambiare, per le altre due donne di case, mia madre e mia sorella ci sto lavorando…” – mi racconta sorridendo.

Alla fatidica domanda cosa farai da grande, visto la giovane età, mi risponde con entusiasmo “Voglio essere felice e qualunque sarà il mio lavoro voglio che non sia statico, visto che secondo me la staticità uccide il cervello”. A questo punto non ci rimane che augurare a Vanya di trovare il massimo dinamismo nella strada della sua vita, mentre a proposito di strade, invito tutti gli amici barter che hanno bisogno di spostarsi, di controllare la bacheca di AynaV, visto che tra le altre cose Vanya offre anche passaggi in macchina (nota dell’intervistata: qui casca l’asino, non è proprio così, diciamo che ho trovato un sito che consente di organizzare queste cose ed in futuro sarà una opzione da me praticata…ora con solo la macchina dei miei è un po’ dura la questione).

Interviste ai barter curate da ILBETTA

Puoi leggere anche:

A te comunicare