Collant rotti? 6 idee per non gettarli

Aprendo scatole e scatoloni di indumenti invernali capita spesso di imbattersi in vecchi collant, messi via senza pensarci. Ora però riemergono sfilati e rovinati, impossibili da indossare. Che fare? Buttarli?

Certo che no, i vecchi collant si prestano a numerosi riutilizzi intelligenti e più creativi, per salvare l’ambiente e realizzare qualcosa di utile per la nostra casa.

  1. Un paraspifferi

Il venticello gelido che vi colpisce le caviglie quando siete sul divano è il vostro incubo? La casa vi sembra sempre fredda per colpa delle infiltrazioni di aria? Con i collant si può realizzare un perfetto paraspifferi senza bisogno di cucire. Come? Tagliando una gamba della calza e rimuovendo le estremità si ottiene un tubo da imbottire a piacere con stoffa, vecchi indumenti, altre parti di collant e tutti quei materiali di recupero che non volete gettare. Una volta che il salsicciotto è ben riempito annodatene le estremità e il gioco è fatto.

Se volete un tocco di creatività in più rivestite il vostro salsicciotto con della stoffa colorata.

  1. Per il bucato dei capi delicati

I capi che tendono a rovinarsi in lavatrice trovano nei vecchi collant degli alleati importanti. Una parte del collant infatti può essere usata come sacchetto protettivo per i capi delicati.

  1. Stendere i capi delicati

Le mollette tendono a lasciare quei segni antiestetici sui maglioni e sugli abiti. Segni che è impossibile togliere anche con il ferro da stiro. Come fare per evitarli? Usando una parte di un vecchio collant come corda, passandolo nelle maniche del maglione o della camicia. Fissate poi i capi del collant con le mollette e i vostri abiti saranno salvi.

  1. Porta sapone

Il collant può diventare un sacchetto in cui raccogliere le scaglie delle saponette quasi finite. Passando il sacchetto sotto l’acqua al momento della doccia si trasformerà in un guanto insaponato con funzione esfoliante.

Oppure lasciandolo sul lavandino in giardino sarà un ottimo modo per lavarsi le mani prima di rientrare in casa, senza continuare a perdere la saponetta.

  1. Proteggere gli ortaggi

Alcuni ortaggi sono più appetitosi di altri per gli animaletti del giardino. Invece di irrorarli con pesticidi dannosi per la salute e l’ambiente proteggete i vostri ortaggi con i collant. Una soluzione particolarmente efficace con zucche e meloni.

  1. Sacchetti profumati

Il tessuto dei vecchi collant è perfetto per creare dei sacchettini da utilizzare per profumare cassetti ed armadi. Basta riempire la punta del collant con fiori secchi, lavanda, rosmarino o alloro per avere un sacchettino profumatissimo e green. Aggiungendo un piccolo batuffolo di cotone con qualche goccia di olio essenziale, ben nascosto all’interno del sacchetto per evitare le macchie, il potere profumante sarà potenziato.

Ci siamo limitati agli usi più immediati per la casa, ma i collant possono diventare fiori, pupazzi imbottiti, elastici per capelli e decorazioni a seconda della fantasia e dell’abilità manuale di chi si presta alle trasformazioni.

Commenti chiusi