Fai da te per arredare il giardino: i pallet

La bella stagione ed il caldo sono finalmente in arrivo e portano con loro il desiderio di sistemare il nostro giardino per renderlo accogliente e pronto per ospitare barbecue e feste con gli amici.

Un giardino ben arredato può diventare la perfetta estensione della nostra casa, un luogo di pace in cui trascorrere il tempo libero in serenità, abbracciati dal verde. L’antidoto perfetto alla frenetica vita cittadina. Arredarlo secondo i nostri gusti, però, può rivelarsi costoso se si fa affidamento ai mobili in commercio. Come risolvere questo problema?

Con il riciclo creativo di tutti quei materiali che sembrano di scarto, ma che in realtà non lo sono. Iniziamo con i pallet, o bancali che dir si voglia, di legno. Sono facilmente reperibili, versatili e resistenti, perfetti per essere trasformati dalle nostre mani sapienti in panchine, tavolini e mobili bar che arrederanno il nostro giardino in modo economico e coloratissimo.

Di cosa abbiamo bisogno?

  • Bancali di varie dimensioni.
  • Colla a caldo, viti, bulloni e chiodi.
  • Flatting o aniline
  • Pennelli
  • Carta abrasiva

Ovviamente i bancali sono composti da legno grezzo, per questo prima di iniziare l’assemblaggio vanno adeguatamente trattati. Il primo passo è carteggiare la superficie per renderla liscia e priva di scomode asperità, in seguito va applicato uno strato di impregnante per renderli più resistenti alle intemperie.

Vediamo le idee migliori, da copiare subito:

Iniziamo con le proposte più semplici, che prevedono solo di sovrapporre pallet, fissandoli con chiodi e viti. Una soluzione rapida e veloce per una panchina personalizzata:

Oppure, invece di una panchina alta, è possibile realizzare un divanetto basso, su cui disporre dei grandi cuscini per aggiungere la comodità che manca ai pallet:

Alle panchine è possibile associare un tavolinetto basso, per un angolo relax super attrezzato:

Aggiungendo delle ruote al nostro tavolinetto sarà possibile spostarlo dove è necessario:

Con più bancali a disposizione si possono “riempire gli spazi”, in modo da avere un divano completo:

Per chi ha più manualità, invece, una comoda panchina reclinata:

O una chaise longue:

Passando alle superfici di appoggio ecco un mobiletto portatutto:

Oppure una rastrelliera per le bici:

Infine un’idea più complicata, che prevede una progettazione accurata per gestire al meglio distanze e spazi:

Nelle prossime settimane vedremo come utilizzare altri materiali “di scarto” per arredare e illuminare il giardino. Non perdetele!

Commenti chiusi